Novità 55%

Ristrutturazioni e riqualificazioni edilizie: proroga degli incentivi con nuove aliquote

dal Decreto Legge 83/2012 contenenti misure urgenti per la crescita (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale)

Le novità del provvedimento:

RISTRUTTURAZIONI

Le spese sostenute dal 26 giugno 2012, data di entrata in vigore del decreto Sviluppo, al 30 giugno 2013, sono agevolate con una detrazione fiscale del 50% fino ad un tetto massimo di spesa di 96 mila euro.
I lavori soggetti al “bonus ristrutturazioni” sono ad esempio, gli interventi di manutenzione straordinaria per le opere di restauro e risanamento conservativo e per i lavori di ristrutturazione edilizia effettuati sulle singole unità immobiliari, gli interventi di manutenzione ordinaria solo se effettuati su tutte le parti comuni degli edifici residenziali, gli interventi necessari alla ricostruzione o al ripristino dell’immobile danneggiato a seguito di eventi calamitosi, i lavori finalizzati all’eliminazione delle barriere architettoniche, gli interventi di esecuzione di opere volte ad evitare gli infortuni domestici.
Il calcolo delle detrazioni fiscali sugli interventi di ristrutturazione edilizia già iniziati segue il principio di cassa. Ciò significa che viene applicato il bonus del 36% o del 50% a seconda della data in cui il pagamento è stato effettuato.
Il chiarimento, già sollecitato nei giorni scorsi, è arrivato dal sottosegretario al Ministero dell?economia, che ha risposto a un’interrogazione parlamentare. Quindi per il periodo di imposta 2012, le spese sostenute fino al 25 giugno 2012 usufruiscono della detrazione del 36%, con un tetto di spesa di 48 mila euro. Dal 26 giugno è scattato il nuovo regime. Tutte le spese pagate a partire da questa data vanno in detrazione al  50%. Il nuovo tetto di spesa complessivo, riferito al costo di tutto l’intervento di ristrutturazione, è stato raddoppiato, passando a 96 mila euro. Da questo nuovo totale vanno detratte le spese già sostenute in precedenza, che sono state agevolate col regime al 36%. Nel periodo d’imposta 2013, spetta la detrazione del 50%, con un tetto di 96 mila euro, per le spese sostenute fino al 30 giugno 2013.

RIQUALIFICAZIONI ENERGETICHE

Le detrazioni del 55% per gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici rimarranno invece in vigore fino al 31 dicembre 2012. come già stabilito dalla Manovra Salva Italia, il decreto per la crescita conferma che dal primo gennaio 20136 gli interventi di riqualificazione energetica saranno assimilati alle ristrutturazioni, così come le agevolazioni loro riconosciute, che quindi passeranno al 50% fino al 30 giugno 2013. il testo specifica infine che restano fermi i valori massimi di detrazione.

scritto da

.

Nessun commento.

Lascia un commento

Messaggio